Skip to content Skip to footer

La dama e l’unicorno

8,55

È un giorno della Quaresima del 1490 a Parigi, un giorno davvero speciale per Nicolas des Innocents, pittore di insegne e miniaturista noto a corte per la sua mano ferma nel dipingere volti grandi come un’unghia, e al Coq d’Or e nelle altre taverne al di qua della Senna per la sua mano lesta con le servette di bell’aspetto. Jean Le Viste, il signore dagli occhi come lame di coltello, il gentiluomo le cui insegne sono ovunque tra i campi e gli acquitrini di Saint-Germain-des-Prés, proprio come lo sterco dei cavalli, l’ha invitato nella Grande Salle della sua casa al di là della Senna e in quella sala disadorna, nonostante il soffitto a cassettoni finemente intagliato, gli ha commissionato non stemmi imponenti o vetrate colorate o miniature delicate ma arazzi per coprire tutte le pareti. Arazzi immensi che raffigurino la battaglia di Nancy, con cavalli intrecciati a braccia e gambe umane, picche, spade, scudi e sangue a volontà. Una commissione da parte di Jean Le Viste significa cibo sulla tavola per settimane e notti di bagordi al Coq d’Or, e Nicolas, che può resistere a tutto fuorché alle delizie della vita, non ha esitato un istante ad accettare. Non ha esitato, però, nemmeno ad annuire davanti alla proposta di Geneviève de Nanterre, moglie di Jean Le Viste e signora di quella casa.

Informazioni aggiuntive

Autore

Traduttore

Categorie: , Tag: , , , Product ID: 1909

Descrizione

È un giorno della Quaresima del 1490 a Parigi, un giorno davvero speciale per Nicolas des Innocents, pittore di insegne e miniaturista noto a corte per la sua mano ferma nel dipingere volti grandi come un’unghia, e al Coq d’Or e nelle altre taverne al di qua della Senna per la sua mano lesta con le servette di bell’aspetto. Jean Le Viste, il signore dagli occhi come lame di coltello, il gentiluomo le cui insegne sono ovunque tra i campi e gli acquitrini di Saint-Germain-des-Prés, proprio come lo sterco dei cavalli, l’ha invitato nella Grande Salle della sua casa al di là della Senna e in quella sala disadorna, nonostante il soffitto a cassettoni finemente intagliato, gli ha commissionato non stemmi imponenti o vetrate colorate o miniature delicate ma arazzi per coprire tutte le pareti. Arazzi immensi che raffigurino la battaglia di Nancy, con cavalli intrecciati a braccia e gambe umane, picche, spade, scudi e sangue a volontà. Una commissione da parte di Jean Le Viste significa cibo sulla tavola per settimane e notti di bagordi al Coq d’Or, e Nicolas, che può resistere a tutto fuorché alle delizie della vita, non ha esitato un istante ad accettare. Non ha esitato, però, nemmeno ad annuire davanti alla proposta di Geneviève de Nanterre, moglie di Jean Le Viste e signora di quella casa.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La dama e l’unicorno”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.