Skip to content Skip to footer

La figlia del tempo

“La figlia del tempo” (1951), l’ultimo libro di Josephine Tev, è probabilmente il romanzo più famoso della fortunata serie di Alan Grant. Definito da un noto critico “non soltanto una delle più grandi detective story dell’anno, ma di tutta la storia del romanzo giallo”, è uno dei primi esempi di “armchair mystery”, il “giallo in poltrona”: l’investigatore, impossibilitato a muoversi, deve indagare rimanendo chiuso nella propria stanza, e dunque basandosi solo sulle prove che gli forniscono i colleghi. Alan Grant è confinato in un letto d’ospedale con un arto rotto, quando una stampa di Riccardo III regalatagli da un’amica cattura la sua attenzione. Il re è passato alla storia per aver fatto rinchiudere nella Torre di Londra, e successivamente uccidere, i due giovani nipoti. Ma il nostro investigatore, osservando il viso e l’espressione di Riccardo III, non riesce a convincersi che si tratti di uno spietato assassino. Esaminando documenti e resoconti storici reperiti da uno studioso americano, Alan Grant arriva alla conclusione che il crimine imputato a Riccardo III non è che una montatura orchestrata dai Tudor. Le indagini lo porteranno ad altre interessanti conclusioni sui grandi miti della Storia e su come gli uomini di potere riescano a imporre la propria versione dei fatti. Introduzione di P. D. James.

Informazioni aggiuntive

Autore

Traduttore

Categorie: , Tag: , Product ID: 2591

Descrizione

“La figlia del tempo” (1951), l’ultimo libro di Josephine Tev, è probabilmente il romanzo più famoso della fortunata serie di Alan Grant. Definito da un noto critico “non soltanto una delle più grandi detective story dell’anno, ma di tutta la storia del romanzo giallo”, è uno dei primi esempi di “armchair mystery”, il “giallo in poltrona”: l’investigatore, impossibilitato a muoversi, deve indagare rimanendo chiuso nella propria stanza, e dunque basandosi solo sulle prove che gli forniscono i colleghi. Alan Grant è confinato in un letto d’ospedale con un arto rotto, quando una stampa di Riccardo III regalatagli da un’amica cattura la sua attenzione. Il re è passato alla storia per aver fatto rinchiudere nella Torre di Londra, e successivamente uccidere, i due giovani nipoti. Ma il nostro investigatore, osservando il viso e l’espressione di Riccardo III, non riesce a convincersi che si tratti di uno spietato assassino. Esaminando documenti e resoconti storici reperiti da uno studioso americano, Alan Grant arriva alla conclusione che il crimine imputato a Riccardo III non è che una montatura orchestrata dai Tudor. Le indagini lo porteranno ad altre interessanti conclusioni sui grandi miti della Storia e su come gli uomini di potere riescano a imporre la propria versione dei fatti. Introduzione di P. D. James.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La figlia del tempo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.